lunedì 27 novembre

Dialoghi Sociali

#progettazione #sociale #tavolarotonda

L’Accademia di Progettazione Sociale Maurizio Maggiora lavora da anni a dare alla progettazione sociale un ruolo definito e primario, con l’obiettivo di sviluppare un dibattito che possa aprire alla creazione di nuovi percorsi. L’obiettivo è avviare un dialogo che modifichi la percezione comune del concetto di Sociale, inteso come attizzatore di meccanismi di cambiamento e innovazione virtuosi supportato da una solida sostenibilità economica lontana dai vecchi meccanismi di filantropia.

Dialoghi Sociali è l’occasione per ridefinire insieme, oggi, la progettazione sociale: un dibattito che coinvolgerà attivamente alcuni rappresentanti delle realtà partner che accompagnano Accademia in questa missione. Ciascun partecipante racconterà la sua visione della progettazione sociale con una parola chiave che ne sintetizzi l’essenza. Per questo incontro intervengono:

  • don Luca Peyron – Resp. Pastorale Universitaria della Diocesi di Torino
  • don Moreno Filipetto – resp. Ufficio Comunicazione nazionale – Ordine dei Salesiani
  • Marco Muzzarelli  – Direttore Engim Piemonte

Per partecipare

registrati: l’evento è gratuito, i posti limitati. Iscriviti ora!

Dove e quando

Sala ACCELERATE di Rinascimenti Sociali, via Maria Vittoria 38 ( Torino)
lunedì 27 novembre 2017, dalle 18:30 alle 20:30.

Organizzatore

Accademia Maggiora

 

 

 

Sito
Facebook
Twitter

Accademia di Progettazione Sociale Maurizio Maggiora
nasce dall’osservazione diretta della realtà, e dal dialogo con quanti coinvolti nell’ambito sociale: giovani e operatori del sociale, associazioni di volontariato e stakeholder, con particolare attenzione a enti e istituzioni (pubbliche e private). La creazione di un luogo di incontro, di condivisione e di formazione sulla progettazione è apparsa opportuna e necessaria per offrire un’identità e una valorizzazione a chi progetta nel sociale, per dare un’opportunità ai giovani e per costruire una base condivisa, nazionale e operativa, a una professione (spesso poco compresa o conosciuta) che, però, è una vera e propria arte.